Funghi Porcini in una faggeta d’autunno cosa c’è di più bello ?

I meravigliosi funghi porcini sono molto conosciuti ma capisco che solo i veri appassionati cercatori di funghi possono rispondere senza dubbi alla domanda forse apparentemente provocatoria.

Eppure chi non ha provato cosa significa il profumo di bosco in una radura d’autunno con i faggi che iniziano a perdere le foglie, la leggera brezza o la prima nebbia a seconda dell’ora, questi meravigliosi porcini che fanno capolino….difficile spiegare.

 

Naturalmente non possiamo mangiarli tutti, ecco l’arte di essiccare i funghi ( ma anche frutta, verdure)

mazze di tamburo varie fotografie di Macrolepiota Procera

mazze di tamburo

Bello e fresco questo esemplare di mazza di tamburo. Perfetto per essere cucinato sulla griglia o in padella con poco aglio, olio vergine d’oliva e gnepidella naturalmente

Un esemplare di mazza di tamburo quasi essiccato dalla siccità. Non lo prendo nemmeno.

Anche questo fungo è secco in pratica. Invece di maturare e marcire la mancanza d’acqua l’ha seccato, inutilizzabile

Esemplare di Macrolepiota Procera ancora chiuso

Questo esemplare di frullana, o mazza di tamburo o come la chiamate nella vostra regione è invece giovane e carnoso

Questo esemplare di fungo è invece rinsecchito, quest’anno purtroppo poca pioggia

Una bella mazza di tamburo fresca e sviluppata

https://www.amazon.it/dp/B01MRM1CYS/ref=as_li_ss_tl?psc=1&linkCode=ll1&tag=funblo-21&linkId=032dac499d090c1541ca17d1871e8107

funghi chiodini : Un pomeriggio a raccoglierli

Il poggio che ho trovato è completamente tappezzato di chiodini uno spettacolo

tutti i chiodini sono attaccati uno all’ altro e qualcuno ha gia un pò di muffa

tutti lungo il poggio belli ma non giovanissimi

I chiodini sul tavolo si intravvedono una vescia dei prataioli e una mazza di tamburo

Ecco il raccolto della gita a chiodini in effetti esemplari diciamo maturi

Foto: raccolta di Funghi Porcini in una Faggeta

Appena saliti subito un bel porcino questo è sotto le foglie speriamo che ci siano anche ai bordi delle piante di faggio altrimenti vederli diventa difficile

Si tratta di decidere se addentrarsi nelle faggete con le foglie in parte già cadute o girare ai bordi nelle radure intorno ai faggi vicino ai mirtilli

Spesso i porcini a quest’altezza sono ai bordi delle radure intorno ai faggi nel paleo insieme alle piante di mirtillo

Nascosti questi porcini come più non si può. Sarà difficile scovarli

Ormai è chiaro che i porcini sono all’interno della faggeta oggi bel problema con le foglie cadute difficile trovarli

Spesso il porcino è quasi tutto sotto le foglie come questo con un gambo tutto nascosto

Sempre a scrutare tra le foglie di faggio sono davvero difficili da trovare

I funghi porcini delle faggete sono bianchi immacolati sotto il cappello che meraviglia

Cala il crepuscolo sulle faggete dell’Appennino Tosco Emiliano ora di andare purtroppo con l’aria che profuma di bosco l’aroma dei porcini nel canestro e la leggera brezza che muove le foglie verrebbe voglia di restare qui in paradiso !

Foto: di funghi prataioli

La maggior parte dei funghi oggi sono giovani bene

Questi funghi non li prendo sono troppo scuri sotto, causa delle spore che maturando darebbero un sapore amaro alla nostra ricetta in cucina

come si vede bene le lamelle sono quasi nere, marrone scuro, da evitare, lasciamoli nel prato

Belli rosa sotto questi ecco come devono essere i prataioli per essere prelibati

non c’è davvero problema a vedere le cappelle dei giovani funghi prataioli il colore bianco fa contrasto col verde intenso dell’erba

Bellissimi, rosa sotto e carnosi, saranno fantastici da cucinare

il prato è spesso frequentato dai pastori e dunque ben concimato in modo biologico, non trattato dunque con pesticidi !

Il raccolto d funghi prataioli è così giovane che possiamo sbizzarrirci su come cucinarli o conservarli

Nel dettaglio oltre ai giovani funghi prataioli si scorgono dei gambesecche

Per una mezz’ora di passeggiata nel prato abbiamo raccolto abbastanza funghi prataioli direi

I funghi prataioli fioriscono nei nostri prati in autunno

I funghi “prataioli” sono deliziosi e si prestano a mille usi in cucina, ma con l’esperienza ho imparato a lasciare nei prati quelli ormai troppo “adulti”, in sostanza quelli che presentano delle lamelle scure, direi un colore marrone scuro invece del caratteristico rosa.

A quanto sò è la presenza delle spore nere che maturando, colorano le lamelle, per i miei gusti risulta in quel caso un fungo con sapore troppo amaro. Troppe volte ho rovinato dei misti di funghi per prataioli troppo “maturi”. Pertanto raccolgo solo esemplari con lamelle rosa, di solito piccolini ma questo in foto è comunque un bel fungo. La famiglia dei cosiddetti “prataioli” è abbastanza vasta, non essendo un micologo in questo caso direi che si tratta di un Agaricus campestris ma potrebbe essere anche un Agaricus Arvensis per le dimensioni notevoli del fungo. Non cambia molto, sono simili ed ambedue prelibati 🙂
Per avere idea della varietà di “prataioli” che troviamo nei nostri prati date un’occhiata su wikipedia, magari partendo proprio dal campestris.
Come al solito è d’obbligo per i “fungaioli” principianti portare i prataioli raccolti dal micologo dell’ASL competente per verificarne la commestibilità.

Famiglia di funghi chiodini cresciuta in alto su un albero

Ogni tanto cercando funghi si ci imbatte in queste sorprese della natura, i questo caso una bella famiglia di gustosi chiodini (Armillaria mellea) cresciuta davvero in alto sulla corteccia di questa quercia !

chiodini (Armillaria mellea)

.Inutile che dica che i chiodini sono tra i miei funghi preferiti.

Tutti gli anni in autunno ne trovo davvero molti, in parte li mangiamo ma la gran parte li cuociamo e mettiamo in freezer in porzioni già adatte per un pranzo, magari per arricchire una bella polenta  🙂
Come al solito maggiori info su wikipedia oltre alla raccomandazione di rito per i principianti di portare i chiodini trovati alla locale ASL per farne accertare la commestibilità, fino a che non diventate “esperti” .

Funghi che adoro i gambesecche utili in mille modi nelle ricette con i funghi in autunno !

gambesecche

Io trovo i gambesecche ed il loro profumo incredibili.
Nascono nei prati, magari anche nel vostro giardino a circoli e sono riconoscibili dal gambo davvero resistente alle torsioni (gambo non commestibile).
Quando avrete imparato a riconoscerli non mancheranno mai nelle vostre ricette con i funghi di autunno !

Tempo permettendo poster una galleria di foto di questo fungo per aiutarvi a identificarlo.
Maggiori info su wikipedia.

Naturalmente come scriviamo sempre in questo blog, dovete portare i funghi trovati presso la vostra ASL di competenza dove personale qualificato o un micologo certificato vi rassicurerà sulla loro commestibilità sempre prudenza !